Mescolarsi

MescolarsiMi piace mangiare il pinzimonio con olio e aceto, quando lo preparo prendo una piccola tazza tonda in cui verso olio d’oliva, alcune gocce di aceto balsamico e un pizzico di sale. Prendo una forchetta e mescolo per rendere la miscela omogenea, in quel momento inizia il gioco che faccio da quando, studiando fisica, ho scoperto il concetto della miscibilità dei liquidi. Lavoro con velocità le due sostanze e le gocce di aceto diventano minuscole, sembra che possano smembrarsi e diventare parte integrante dell’olio ma così non è. Mi fermo, guardo il composto per qualche istante e l’aceto torna allo stato iniziale. Le piccole particelle si cercano e vanno a comporre una grande goccia, non si mescolano all’olio, se ne stanno in disparte. L’aceto non è miscibile con l’olio. Dipende dalla diversa consistenza, dalla loro diversa tensione, non è possibile che da questi due elementi nasca un composto unico. Ci provo sempre, mi diverto a pensare che quella volta ci riuscirò, che potrò modificare i risultati della fisica ma non succede. Gioco con la forchetta, la agito con velocità ma il risultato è sempre lo stesso. Mi arrendo e intingo le verdure, le assaporo e mi rendo conto che le due sostanze restituiscono al palato un equilibrio armonico, pur non essendo miscibili sono in grado di dare valore se messe insieme, apportano un sapore unico e nuovo, diverso da quello che potrebbero restituire se usate singolarmente. Funziona così anche con le persone, nelle relazioni. Proviamo a mescolarci ma i risultati sono sempre diversi. Con qualcuno, che ha una consistenza simile alla nostra, riusciamo a dare vita a un composto nuovo; con altri decidiamo di non mescolarci per niente, sentiamo che è bene lasciare alte le nostre barriere. Pensando all’olio e all’aceto ho trovato una diversa possibilità: la miscibilità parziale, il sentire che qualche tipo di mescolanza può esserci. Probabilmente è un percorso più ostico, fatto di differenti che devono essere disposti a volersi mescolare, ad abbattere qualche barriera aprendosi all’altro. Credo ne valga la pena, si potrebbe trovare un equilibrio nuovo, di certo si avrà un’occasione di crescita come sempre accade attraverso il confronto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.