Asides

La forma del tempo

Stavo pulendo l’insalata, selezionavo una dopo l’altra le foglie della scarola acquistata dal fruttivendolo sotto casa, ho pensato a mia nonna. D’estate raccoglieva le verdure nell’orto poco prima di preparare il pranzo, io l’accompagnavo e l’aiutavo a scegliere i pomodori rossi, quelli più grandi e maturi. Ricordo ancora il profumo; il gambo del pomodoro ramato diffondeva quell’odore d’estate che restava nelle mani anche dopo averle lavate.
Era una donna in costante movimento. Faceva la casalinga, che dalle mie parti si dice rezdora, arzdoura nel bolognese, e non si fermava un istante. Riempiva ogni minuto della giornata in attività di manutenzione o di ordinaria e straordinaria amministrazione. Cucinava, puliva, si occupava del giardino, lavava, stirava, preparava la pasta all’uovo, gestiva gli uomini di casa e anche me, che stavo da lei quando non c’era la scuola. Non c’erano sabati né domeniche, non esistevano festività, faceva gli straordinari e i turni serali. Mia nonna mi ha portato a pensare al concetto del tempo. Se ne parla spesso ultimamente; mi sono confrontata con A. che sostiene che oggi ci troviamo in un tempo lineare in cui ogni giorno è uguale all’altro e si procede in continuità anche quando affrontiamo le questioni lavorative. M. invece mi parla di un tempo fatto di pieni e di vuoti, in cui ha la necessità di riempire spazi che non hanno padrone e che sembrano di nessuno. Sono probabilmente i momenti di mancata socialità, quelli in cui, in condizioni normali, ci si dedicherebbe allo svago. Mi sono confrontata con C. che sostiene di avere troppo tempo a disposizione e di non riuscire a fare niente, proprio a causa dell’abbondanza di ciò che prima era scarso. Mi sono chiesta se il tempo abbia una forma. Può essere una linea retta? Oppure è una sinusoide? Una sorta di onda che va su e giù e varia a seconda delle giornate. Forse è un cerchio? Possiamo mettere tutto in una circonferenza con un perimetro definito? Mattina, pomeriggio, sera. Le inquadrature sono sempre uguali, il panorama che vediamo dalla nostra finestra, o dal balcone, resta immutato e i cicli si ripetono di giorno in giorno. Voglio concentrarmi sui dettagli. Sono sicura che potrò trovare qualcosa di nuovo ad ogni inizio; credo che la luce, modificando le ombre proiettate sul muro, ci consenta di vedere qualcosa di diverso. È il tempo dell’osservazione, un tempo che oggi ci viene concesso e che domani potrebbe svanire. Riflettendoci, se proprio dovessi fare una scelta, attribuirei la linearità a questo amico che spesso ci minaccia ma al contempo ci sollecita. Un tempo lineare, da percorrere in avanti, che mi conduce con maggiore determinazione all’obiettivo, dentro e fuori di me.

Nell’immagine “Morning Sun” di Edward Hopper.

Siamo connessi

Il mio pianista suona e oggi vorrei che non smettesse. Se lui continua a suonare penso che tutto sia normale; una serata come tante in cui le sue note accompagnano le mie letture, i miei pensieri e la preparazione della giornata che si sta per affacciare.
Mio caro pianista, non ti conosco. Abiti al terzo piano? O forse sei nello stabile attiguo? Sono anni che ti sento ma non ti avevo ancora dedicato la giusta attenzione, a volte mi hai infastidita, spesso ti ho considerato una fonte di distrazione, qualche cosa da scacciare come una mosca che viene a molestare la mia tranquillità. Oggi ti chiedo di continuare il tuo concerto. Immagino le tue dita che corrono veloci e riempiono i nostri silenzi, creano una connessione, una nota dopo l’altra, compongono armonia.
Chiudo gli occhi e vedo tutti noi, nella città, in tutto il Paese, in Europa e nel mondo; sogno tante persone chiuse nelle loro abitazioni che hanno un unico pensiero e vorrei che ognuno diventasse una nota. Vorrei che tutti potessero partecipare a questo grande concerto di musica meravigliosa, vorrei che quel pensiero unico, che tutti hanno, fosse orientato alla bellezza, al sorriso, alla gioia.
Ci sono pensieri di spavento e di dolore, fanno parte della nostra quotidianità ed è necessario accettarli, ma ci è data l’opportunità di guardare al resto. Possiamo osservare ciò che cambia intorno a noi, abbiamo l’occasione per essere unione, per abbandonare i moti di rabbia, l’arroganza, la prevaricazione. Possiamo stare nella stessa vibrazione, nell’onda della musica. Caro pianista, per favore continua, insisti, premi sui tasti e suona con fermezza.
Io ho scelto la mia nota e sono sicura che tanti altri sentiranno dentro la loro.