Le Confessioni: non avere per essere

Le_confessioniHo trovato questo film potente. L’andamento è abbastanza lento, è un film che stimola il pensiero e il silenzio e per questo ha bisogno di tempo e di pazienza. Si svolge in un luogo che appare distante dal mondo, è un hotel in cui gli ospiti restano protetti da ciò che accade all’esterno quasi come se volessero restare lontani dai pensieri e dalla vita di ogni giorno. Il monaco protagonista (interpretato da Toni Servillo) è una figura che accompagna; una sorta di voce fuori dal coro che, attraverso il suo esempio, conduce a riflettere su grandi temi: il potere, l’avere, l’orgoglio, la vanità, l’egoismo. Mi è piaciuto perché ho trovato un modo diverso di spingere lo spettatore alla riflessione, senza retorici paternalismi ma attraverso il racconto e la manifestazione di qualcuno che ha un punto di vista diverso.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...