Le ho mandato un biglietto

Si parla spesso degli smartphone e di come si innestino nella nostra vita, portando cambiamenti alle abitudini e alle relazioni sociali. Ci si lamenta delle “appendici” che modificano la nostra postura e rompono costantemente il livello di attenzione. C’è chi fa delle battaglie per metterli al bando, come si faceva una volta con una certa letteratura, io credo che sia l’uomo a scegliere. Tocca a noi trovare un punto di equilibrio sfruttando il buono e contenendo ciò che può causare danni.
La mia amica L. usa ancora il termine biglietto. Ne parla quando mi spiega di avere scritto qualcosa a qualcuno, lo dice ad esempio per citare il ringraziamento per un dono o per un invito, per la comunicazione di certe notizie, quelle che vanno date a titolo informativo; utilizza il biglietto anche per riprendere contatto con qualcuno che non vede da un po’ di tempo.
La prima volta avevo immaginato quei cartoncini color avorio chiusi in piccole buste, la vedevo alle prese con la stilografica e la carta assorbente. La mia mente è arrivata fino a Jane Austen e al maggiordomo che, con il vassoio d’argento, porgeva un biglietto chiuso con la ceralacca. Più tardi, quando L. mi chiese se avevo ricevuto il suo biglietto, capii che la corrispondenza avveniva tramite email.
Ho trovato nel suo biglietto un punto di equilibrio, la consapevolezza dell’obiettivo con cui si attiva uno strumento. Non è una semplice email ma è un biglietto, che è diverso da una lettera, perché L. spedisce anche lettere (tramite email) ma sono di altra natura, hanno un diverso scopo e una diversa struttura. L. scrive SMS e messaggi Whatsapp, manda foto e video e ogni tanto si cimenta con il vocale. Non sceglie mai a caso, il messaggino è come un telegramma e il resto è simile a un momento d’intrattenimento, come se ci trovassimo a cena.
Mi fermo spesso a cercare il giusto strumento, ne abbiamo così tanti a disposizione che non è facile districarsi. La soluzione arriva se mi concentro sull’intenzione e sul contenuto. Che cosa voglio dire all’altro? Che emozione voglio scatenare? È più importante la mia o voglio lasciare spazio alla sua?
Ho cominciato anche io a mandare biglietti. Li trovo efficaci perché lasciano tempo: per scriverli con la giusta intenzione e per rispondere dopo avere sentito ed elaborato l’emozione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.