Cambiare pelle

“Voglio vivere con lentezza.” Lo dichiara la mia amica V. mentre mi esprime la sua difficoltà a riprendere il ritmo di prima.
Fa la libera professionista e ha deciso di accettare meno clienti.
“Ci guadagno in vita.” Continua V. mentre beviamo un caffè da asporto nella caffetteria vicino a casa.
Non lo avevamo mai fatto. Ci frequentiamo da anni, abitiamo a pochi metri ma non avevamo mai pensato di incontrarci al mattino per il caffè. Senza le trasferte sembra che ci sia più tempo, inizio prima del solito ma c’è una fascia oraria, quella che va dalle otto alle nove, in cui posso passeggiare e fermarmi a prendere un caffè in compagnia. Stiamo in piedi, l’una di fronte all’altra con il bicchierino in mano, la ragazza esce e ci invita a sedere su due sedie azzurre che il locale ha posizionato sul marciapiede, è una novità perché quel posto non ha mai avuto un dehors. Sorseggiamo a debita distanza, l’una accanto all’altra, mentre guardiamo la vetrina del negozio di fronte, c’è una gonna che non va più bene per questa stagione. Il posto è chiuso e non sembra che aprirà nel breve periodo, ricordiamo il vestito verde che V. aveva preso la scorsa estate in occasione dei saldi, perché quello è un posto dove entriamo solo quando c’è il cinquanta per cento. Parliamo delle vacanze, è difficile fare progetti. Lei passerà qualche giorno nella casa in montagna, è contenta di averla presa nella stessa regione, mi dice che ne aveva discusso ai tempi con suo marito, lui insisteva per una località che si trova in Piemonte e lei sorride mentre rimarca che le donne hanno un sesto senso per certe decisioni. Le dico che non ho piani, confesso che non mi dispiace l’idea di restare in città, ne potrei approfittare per fare qualche lavoro in casa, quelle cose che rimando da troppo tempo, come ad esempio cambiare il rivestimento dei divani o dipingere di rosso le pareti dell’ingresso. Ci sarebbe anche la libreria da sistemare, quello richiede una settimana intera. V. mi dice che c’è posto da loro in montagna ma io prendo tempo, le farò sapere, dipende da come si muoverà il lavoro. Ci salutiamo e mentre torno verso casa penso all’invito del mio amico E., mi ha proposto di trascorrere qualche giorno su da lui, è un posto dove non c’è il wi-fi e il telefono non prende, mi ha detto che è possibile incontrare delle vipere mentre si cammina, sostiene che qualcuno abbia trovato la vecchia pelle. Mi ha descritto l’involucro cristallizzato di colore giallastro, ho cercato in rete e ho visto una specie di sacchetto dal quale spunta la testa che, strusciandosi sul terreno, si fa largo per liberarsi da ciò che sembra il budello utilizzato per gli insaccati. La vipera ne esce con una pelle nuova, lucida e variegata. Piacerebbe anche a me. Mi chiedo se la muta doni una sensazione piacevole, me la immagino come quando ci si toglie le scarpe dopo una camminata di qualche chilometro in salita.

Nell’immagine: Donna in camicia di Andrè Derain

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.