Synecdoche, New York: vivere o lasciarsi vivere?

SyneddocheQuesto film, scritto e diretto da Charlie Kaufman, è del 2008 ma in Italia è uscito solo questa settimana per motivi sembra legati ai diritti. Forse l’avere aspettato è un bene perché si tratta di un film molto complesso e ricchissimo di spunti e di messaggi difficili da comprendere anche oggi. Ho avuto la sensazione di trovarmi di fronte all’opera di un’artista molto innovativo che, essendo più avanti rispetto al tempo in cui vive, difficilmente riesce a trasferire ciò che desidera ad un pubblico che spesso è un passo indietro. Il regista ci mostra un mondo surreale in cui molto di quello che vediamo vive solo nella mente del protagonista che è un regista a sua volta e si chiama Caden Cotard. Nella mente di Caden albergano tante paure, quelle dell’uomo di oggi: paura dei propri sentimenti, della solitudine, di agire, del tempo che passa, della morte. Il rischio è che queste paure prendano il sopravvento e lascino l’uomo atterrito impedendogli di vivere fino in fondo ciò che invece c’è di buono in ogni giorno. Questo è il messaggio che ho colto io ma sono sicura che ognuno potrà cogliere il suo.

Il film è bello ma può essere angosciante, da vedere in uno stato emotivo stabile.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.