Ascoltare

Le piace Chopin?

Piace_ChopinA me piace molto, mi rendo conto che non sia una cosa per tutti, la musica classica non è tanto diffusa e trovare qualcuno che resti incantato dall’ascolto di Chopin è raro, almeno fra le persone che hanno meno di sessant’anni. Parlo di persone comuni, che si incontrano ogni giorno: un collega di lavoro, un cameriere del bar in cui si prende il caffè al mattino, il genitore di un compagno di scuola del proprio figlio. Probabilmente se andassi a pranzo in qualche locale della zona del Conservatorio troverei molte persone affascinate da Chopin e forse qualche studente lo ascolta nelle cuffie, come capita a me mentre giro per Milano in bicicletta. Che cosa porta una persona a scegliere Chopin anziché l’ultima hit commerciale? Non voglio dire che le due opzioni siano esclusive, possono piacere entrambe e in ognuna ci si può trovare qualcosa che faccia stare bene. Tuttavia penso che alcune persone non si pongano neanche il tema della scelta, per loro Chopin è uno sconosciuto e probabilmente non hanno voglia di entrarci in contatto. Legittima posizione, non la discuto. Eppure è così bello essere accolti dalla sua musica, ascoltare la circolarità della sua sinfonia, la pienezza che regala. Questo è quello che sento quando lo ascolto e, al di là dei gusti musicali, mi trovo bene con le persone che sanno apprezzare Chopin, quelle che lo riconoscono e sono capaci di emozionarsi sulle sue note. C’è stato un tempo in cui pensavo che fosse giusto fare questa domanda all’inizio di una conversazione, come se fosse un’aggiunta ai primi convenevoli. “Piacere, mi chiamo S., le piace Chopin?” Così diventa facile, in caso affermativo si dialoga con gente che ha la stessa frequenza e se la risposta è negativa si alzano i tacchi con una scusa. Poi ho capito che la varietà umana è bella e va conosciuta; ci sono tante storie da ascoltare e tanti racconti fatti da chi non ama Chopin. Esiste un mondo di esperienze da cogliere e da comprendere, soprattutto da parte di chi è diverso da noi. È più difficile, serve tempo, ma ne vale la pena.

Piazza San Camillo de Lellis

SanCamilloÈ come stare in una nicchia. Il passaggio da questa piazza mi regala la sensazione di essere in un luogo-rifugio, trovo la protezione del nido, di un camino caldo. Non saprei dire il perché, è successo e basta. Sono anni che attraverso questa piazza in bicicletta, ogni giorno, più volte al giorno. È la strada che faccio per raggiungere l’ufficio e in questo cammino mi è capitato spesso di trovare proprio qui la soluzione a questioni complesse che portavo con me una volta uscita dal lavoro.

Due giri introno alla rotonda ed è come se le idee diventassero più chiare, a volte mi sono fermata, ho fatto un giro su me stessa e ho ripreso la bicicletta per andare avanti e dopo qualche istante: nuova manifestazione e risoluzione. Forse in me c’era già l’idea di ciò che avrei voluto e il luogo ha solo contribuito a farla emergere. Non saprei, questione di energia. Cerco questo nei luoghi: li guardo, ascolto, annuso il sapore dell’aria, tocco le pietre o il verde degli alberi e sento.